La biomeccanica dei dispositivi ortodontici ad ancoraggio scheletrico palatale 22/09/2018

- Programma PRATICO LIVE -

Data Corso: 22/09/2018

Presso:

L’utilizzo delle miniviti in ambito ortodontico rappresenta, oggi, un ausilio insostituibile nella pratica clinica quotidiana, grazie principalmente alle possibilità che tali presidi medici offrono nel ridurre o eliminare la perdita di ancoraggio durante i movimenti dentali/scheletrici. Le miniviti possono essere inserite sia vestibolarmente tra le radici dentali (Ludwig e coll. 2011b) che palatalmente (Ludwig e coll. 2011a). In particolare, la versione palatale presenta il vantaggio di siti implantari molto ampi e distanti dalle radici dei denti (Holm e coll. 2016), riducendo il numero dei fallimenti, che nell’inserzione vestibolare può raggiungere anche il 13% ca. dei casi (Papageorgiou e coll. 2012), dovuta spesso alla vicinanza delle strutture radicolari (Kuroda e coll. 2007). Il loro utilizzo razionale rende maggiormente predicibili e di facile realizzazione quegli spostamenti ortodontici che diversamente risulterebbero molto complessi da ottenere consentendo, inoltre, un controllo assoluto dell’unità di ancoraggio, anche in presenza di pazienti poco collaboranti. L’incontro è strutturato in una sessione TEORICA, che fornirà ai partecipanti strategie terapeutiche realistiche e facilmente applicabili. Verranno discussi gli aspetti anatomici e biologici fondamentali per consentire di selezionare le zone di inserzione delle miniviti e la biomeccanica più corretta.
Il corso si conclude con una sessione CLINICA LIVE alla poltrona durante la quale i partecipanti potranno assistere all’inserimento di miniviti e alla presa delle impronte (sia con l’utilizzo dello scanner intraorale digitale, sia con la metodica classica) per il trasferimento dei dati al laboratorio



Contattaci per ulteriori informazioni

Cliccando su "Invia" si accettano i termini della Policy / Privacy.